La collezione austeniana di ITV

ITV (acronimo di Independent Television) è la più grande rete televisiva commerciale privata del Regno Unito ed è il migliore concorrente dell’inarrivabile BBC (la tv pubblica che tutti sogniamo). Anche ITV produce serie televisive di grande successo, come l’Ispettore Barnaby e Cadfael (nota del 2015: e, più recentemente, Downton Abbey). Ma, soprattutto, nel corso degli ultimi anni ha prodotto adattamenti televisivi dei romanzi di Jane Austen con risultati in alcuni casi eccellenti, spesso grazie alla collaborazione con professionisti di sicuro valore e ben collaudati come Sua Maestà Andrew Davies, l’ormai leggendario sceneggiatore di Pride and Prejudice della BBC del 1995, solo per fare un esempio.
La collezione comprende quattro adattamenti: Emma del 1996 + Northanger Abbey, Mansfield Park e Persuasion tutti del 2007. Proprio quell’anno, infatti, ITV fece un notevole sforzo produttivo e realizzò ed infine trasmise, tra marzo ed aprile, una vera e propria Jane Austen Season, il cui filmato pubblicitario è di per sé un piccolo capolavoro:

Testo della voce fuori campo:

EN – There is an honesty behind a glance, a meaning behind a touch, and faith cried with a tear. Lies behind a price, importance in a whim, and deceit sealed with a kiss. There is hope behind a gesture, value in a token. An unspoken love delivered with a smile
ITA – C’è un’onestà dietro uno sguardo, un significato dietro un tocco, e fede gridata in una lacrima. Bugie dietro un prezzo, importanza in un capriccio, e inganno suggellato con un bacio. C’è speranza dietro un gesto, valore in un pegno. Un amore taciuto rivelato da un sorriso.

Tutti questi adattamenti, mai arrivati sulle nostre reti televisive (tranne uno, e una volta soltanto, molto tempo fa), sono disponibili in DVD. Ecco di che cosa si tratta.

northanger_itv_2007 mansfield_park_2007

Brevemente, ritengo che il migliore in assoluto sia Northanger Abbey (L’Abbazia di Northanger), originale, divertente, ricco di deliziosa ironia, con molte libere licenze ma molto austeniano. Non a caso è stato scritto da Andrew Davies…
Gli attori sono ottimi, a cominciare dalla coppia protagonista, Felicity Jones (perfetta nei panni della giovanissima, ingenua ma non troppo Catherine Morland) e J.J. Feild (un grandissimo Henry Tilney!).

Mentre il peggiore è proprio il mio povero Mansfield Park, completamente rimaneggiato fino a perdere del tutto aderenza con l’opera originale e con un’attrice nel ruolo della protagonista che non ha niente, ma proprio niente, a che fare neppure lontanamente con il mondo austeniano (a cosa avranno voluto mirare i realizzatori nello sceglierla?).

In mezzo, si collocano due adattamenti, dal risultato ibrido.

emma_1996_itv persuasion_itv_2007

Secondo solo a Northanger, Emma, girato nel 1996, con una Kate Backinsale giovanissima e molto brava nel rendere la naturale antipatia della giovane e viziata Miss Woodhouse, e con un Mr Knightley insolito e muscolare, interpretato da Mark Strong. Si tratta di una vera chicca anche perché sceneggiato anch’esso da Andrew Davies esattamente un anno dopo lo strepitoso successo del “suo” Pride and Prejudice (Orgoglio e Pregiudizio), scritto per BBC nel 1995.

Persuasion, opera una scelta ardita e, a mio parere, discutibile, cioè eliminare la scena fondamentale della lettera (un capolavoro nel capolavoro, nel libro) per privilegiare un finale più simile alla prima stesura del romanzo, che Jane Austen aveva però completamente riscritto perché, evidentemente, insoddisfatta. E, difatti, non soddisfa nemmeno sullo schermo.

Nella pagina DA VEDERE per ogni adattamento ho inserito tutti i dettagli tecnici nonché le mie riflessioni a ruota libera su questi quattro pezzi austeniani di ITV.

itv_collection_jaPer l’acquisto, potete trovare tutti i quattro DVD singolarmente mentre, in cofanetto, trovate Emma, Northanger Abbey e Mansfield Park (e in questo caso, dovrete acquistare Persuasion singolarmente).
Si trovano tutti comodamente su Amazon.it. Non spaventatevi per la strana indicazione secondo la quale si tratterebbe di edizioni tedesche. In realtà, sono proprio i DVD britannici.
I sottotitoli sono inglesi: è possibile reperire in rete quelli italiani con molta facilità. Il più citato ed utilizzato sembra essere Subfactory ma un motore di ricerca non mancherà di darvene una lista esauriente.

Aggiungo soltanto che per l’ennesima volta devo constatare come sulle nostre reti non arrivi nemmeno una minima parte di questi prodotti. Il solo Northanger Abbey fu trasmesso su un canale a pagamento molti anni fa, e una volta soltanto.
Il mio sdegno aumenta vertiginosamente se penso che negli Stati Uniti, pur così gelosi della loro identità nazionale, la rete televisiva PBS (la tv pubblica americana, la stessa che non ha esitato a proporre Downton Abbey, ambientato in epoca edoardiana, e Poldark, l’ultimo grande successo di BBC), trasmette regolarmente, e contribuisce a produrre, numerosi period drama, tanto che nel 2008, tra gennaio e marzo, trasmise una maratona austeniana con le serie di BBC e ITV!
Non mi resta che sperare che LaEffe, la tv di Feltrinelli sul canale 50 del digitale terrestre, dopo averci deliziato con molti sceneggiati e film austeniani, abbia ancora voglia di stupirci proponendoci almeno il bellissimo Northanger Abbey (e, magari, anche questa insolita, bellissima Emma, che nessuno conosce).

Link utili:
– il sito di ITV
– il cofanetto ITV su Amazon.it
– il DVD Persuasion su Amazon.it


Pagine di Un tè con Jane Austen dedicate a film e sceneggiati:
DA VEDERE pagina principale
DA VEDERE – EMMA
DA VEDERE – L’ABBAZIA DI NORTHANGER
DA VEDERE – MANSFIELD PARK
DA VEDERE – PERSUASIONE

Silvia Ogier

(Bologna, Italy) - Diplomata Traduttrice e Interprete e laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha lavorato come traduttrice e da anni si occupa di marketing e comunicazione aziendale. Il suo maggiore interesse libresco è la letteratura scritta dalle donne. Ha letto Jane Austen per la prima volta a vent’anni (Orgoglio e Pregiudizio). Nel dicembre 2010 ha aperto il blog monografico Un tè con Jane Austen e nel 2013 ha fondato Jane Austen Society of Italy (JASIT), di cui è presidente.
Silvia Ogier

15 pensieri su “La collezione austeniana di ITV

  1. AvatarMoira ♥

    Non mi stupisce che in Italia non arrivi niente di tutto ciò. Ormai è talmente scaduta che anche chi la tv la segue non si aspetta niente di nuovo.

    La tv inglese me la ricordo benissimo. Quando ero in inglilterra per il viaggio studio la seguivo … un paradiso in confronto alla nostra … ogni sera avevo qualcosa da vedere e niente di banale.

    Quì tra Uomini e Donne con vecchi che perdono pure la loro dignità, politica e poco altro … si fa la fame!

    Grazie per la segnalazione … se raccimolo dei soldini si faccio un pensierino. E tanto che non ascolto del buon british english 😛 e mi manca!

    Rispondi
  2. AvatarAldina

    ciao mia cara,
    visti tutti tranne Emma, qs versione mi manca or dovrò provvedere.
    Concordo con Mansfield Park, brutto e lei proprio un’infelice scelta.
    Adorabili i due protagonisti di Northanger Abbey. Persuasion il mio preferito fra gli scritti di zia Jane si fa guardare, però lui è bello in modo imbarazzante e lei ha un’espressione sola … noia, preferisco la vecchia versione.
    Io pagherei volentieri le 200 e passa sterline all’anno per il canone BBC, sarebbero soldi ben spesi!!
    Alcuni sceneggiati son passati da Sky … certo non si può pensare che un pubblico che fa fare il botto al cinema a Checco Zalone poi sia interessato a qs. generi …. ed io mi son prenotata per domani King’s speech – Il discorso del re
    buona giornata mia delizia.
    Aldina

    Rispondi
  3. Avatarsylvia-66

    @Moira: sì, che desolazione la nostra tv… Bisogna spulciare molto bene i palinstesti per vedere qualcosa di stimolante per le celluline grigie!
    @Adelina: Ma chère amie, è vero, anch’io sarei felicissima di pagare così tanto per avere davvero di tutto/di più!
    …E, sì, Persuasion del 1995 è inopinatamente insuperabile!
    Il “mio” Mr Darcy mi ha promesso di portarmi a vedere Il discorso del Re la prossima settimana, perciò ci scambieremo quanto prima le impressioni!
    Chi altro lo va a vedere? Fatecelo sapere!

    Rispondi
  4. AvatarFrancesca D.

    Che meraviglia! Credo che questo sarà uno dei miei prossimi acquisti, anche se prima devo finire di leggere i capolavori di Jane! Per parlare della nostra televisione, è una vera schifezza. Il digitale, che avrebbe dovuto portare nuovi canali, ha in realtà fatto in modo che ci propinassero ancora più oscenità: repliche a go-go di fiction e soap che nemmeno un mentecatto…addirittura hanno riesumato lo scenggiato di Kiss me Licia con cristina D’avena!! Una cosa assurda…Altro che buoni prodotti culturali!

    Rispondi
  5. AvatarClaire

    Concordo pienamente sul topic tv italiana…ahimé! Purtroppo, è sempre più difficile trovare un programma decente…per questo, mi sento fortunatissima quando riesco a far coincidere una puntata dell’Ispettore Barnaby, o I Taccuini di Sherlock Holmes, o ancora I Misteri di Murdoch con il mio rarissimo tempo libero! 😀
    Ho apprezzato moltissimo queste trasposizioni, tranne Mansfield Park, a mio parere, sbagliata sin dalla scelta dell’attrice (Billie Piper) che avrei visto molto più adatta come eroina di un film di Tinto Brass che di uno austeniano…(con tutto il rispetto!)! XD
    Vorrei potermi comprare i dvd originali da aggiungere allo scaffale (sacro) di Zia Jane, chissà, forse lo farò grazie ad Amazon.it! 🙂
    Grazie, come sempre, del tuo ottimo articolo!
    Baciotti, tè e biscotti!
    Claire

    Rispondi
  6. AvatarNicky

    Ogni volta che mia mamma mi vede alla prese con un bel classicone mi racconta di quando, quando era ragazzina (anni ’60 più o meno), la Rai realizzava degli sceneggiati bellissimi sui classici della letteratura…..ne ha visti a quantità industriali….sarebbe bello se tornassero a farli, se la Rai tornasse ad essere une vero servizio pubblico!

    Rispondi
  7. AvatarLilly

    ho una passione sin dai tempi del liceo per jane e questo tuo blog, trovato per caso poco tempo fa, è una vera scoperta! quando trovo fra i miei link un nuovo tuo post vengo subito a sbirciare e mi ci immergo leggendolo tutte d’un fiato!solo mi sa che finora non avevo mai commentato…ne approfitto ora, assolutamente!!!

    Rispondi
  8. Avatar*Maristella*

    Buonasera Sylvia! A parte i parchi bellissimi ed il Museo di Victoria e Alberto…Londra non era come mi aspettavo…è il resto dell’Inghilterra che mi fa venire i brividi!!!
    Un caro saluto, *Maristella*.

    Rispondi
  9. AvatarSilvia

    La tv italiana è un pianto… solo fiction, reality e talk show di serie b… e per di più, i palinsesti sono infestati da serial polizieschi tedeschi e soap opera… nessuno tiene conto che magari c’è una consistente porzione di pubblico che aspira a vedere qualcosa di diverso in tv…. Un anno fa era circolata la voce che Rai 4 intendesse trasmettere alcuni period drama BBC, ma non se n’è mai fatto nulla e di tanti canali in più grazie al digitale terrestre non ce n’è uno che sia in grado di soddisfare le nostre esigenze di miniserie in costume made in England… Praticamente: un pianto!

    Dei titoli che hai indicato ho visto Emma e Persuasion: il primo non mi ha fatto impazzire – adoro troppo la versione cinematografica con Gwyneth Paltrow, grazie alla quale ho scoperto Jane Austen! – anche perché Mark Strong non era assolutamente adatto per interpretare Mr Knightley; mentre Persuasion mi è piaciuto (anche se non mi piace che la scena della stesura della lettera sia stata totalmente eliminata) e considero Rupert Penry-Jones il Capitano Wentworth perfetto!
    Mentre Northanger Abbey e Mansfield Park devo vederli da parecchio… ma prima preferisco rileggere i romanzi.

    😉

    Rispondi
  10. AvatarSusy

    Grrrrrr! Hai ragione da vendere!
    E’tanto che lo dico, la TV italiana è
    vergognosa, per essere gentile.
    Quando vedo gli sceneggiati che fanno
    gli inglesi, mi viene la pelledoca.
    L’unico canale che li trasmette è
    HALLMARK, canale 128 di sky e meno male, altrimenti……
    Un abbraccio
    Susy

    Rispondi
  11. Avatarsylvia-66

    @tutte: anch’io col DTT speravo di trovare qualche occasione di vedere belle realizzazioni, e continuo a sperare che la RAI si decida a fare qualcosa di decente dalla nostra meravigliosa letteratura. Ma la situazione attuale non sembra andare verso questa direzione…
    @Claire: sì, forse il modo migliore per scovare qualcosa di buono è spulciare i palinsesti e sfruttare al meglio i video/dvd registratori! – (bellissimo il commento su Billie Piper!!!)
    @Nicky: confermo quanto dice la tua mamma, da bambina (anni ’70) ricordo certi sceneggiati!
    @Silvia: e se invadessimo Rai4 di e-mail chiedendo di farci vedere i period drama BBC/ITV/ecc?… anche con i sottotitoli italiani, non importa! – D’accordissimo su quanto dici dei due attori… Quanto ai due dvd non ancora visti, confermo che Northanger merita davvero mentre Mansfield per niente!!!
    @Susy: ohibò, non ho Sky! Però hai fatto bene a segnalare quel canale per chiunque passi di qui. (beata te… io li cerco su youtube ma non è la stessa cosa!)
    @Lilly: BENVENUTA!!, e grazie grazie grazie per le tue parole, non esitare a lasciare le tue tracce ogni volta che vorrai, anche nei blog delle Cugine (come vedi, c’è molto pane per i tuoi denti austeniani!).
    CIAO CARISSIME E GRAZIE DEI COMMENTI

    Rispondi
  12. AvatarClaire

    Mi consola leggere i vostri pareri concordi sullo stato terminale della nostra TV! 🙂 Non mi sento più tanto pecora nera! 😀
    BUON WEEK END A TUTTE, CARE!!!

    @Sylvia: riguardo alla Piper, non ho niente di personale, per carità! Ma proprio non riuscivo ad integrarla né alla storia, né tantomeno all’ambientazione…! 😀
    Attendo il tuo MEME, curiosissima!
    Baciotto e buon week end!
    Claire

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.