Archivi tag: L’Abbazia di Northanger

Romanzo di Jane Austen

Domani (200 anni fa) avvenne…

sense_sensibilty_first_edition_egerton_1811

Prima edizione di Sense and Sensibility, pubblicata dall’editore T. Egerton, 1811

…che fu pubblicato il primo romanzo di Jane Austen.
Buon compleanno, Sense and Sensibility!
Qual è stata la gestazione di quest’opera, che ha aperto la strada ad altre, successive, altrettanto meravigliose?
Alla vigilia del compleanno di Sense and Sensibility (Ragione e Sentimento), vi invito a scoprire tutti i retroscena sulla nascita di Jane Austen come scrittrice pubblicata tornando indietro nel tempo, al 1810, quando nella sua vita apparentemente quieta e casalinga accade qualcosa di imprevisto ed entusiasmante….


Pubblicare un romanzo non è facile, e Jane lo sa bene perché lo ha provato sulla propria pelle.
I diritti della sua prima creatura letteraria “compiuta”, Northanger Abbey (L’Abbazia di Northanger), che all’epoca si intitolava ancora Susan, erano stati acquistati per 10 sterline nel 1803 dall’editore Benjamin Crosby di Londra: ma questo bellissimo risultato non aveva prodotto alcuna pubblicazione e la faccenda era rimasta sospesa come in un limbo.
Alcuni anni prima, nel 1797, suo padre, il Rev. George (uomo illuminato, che credeva nelle qualità della figlia), aveva tentato di vendere First Impressions, la prima stesura di Pride and Prejudice (Orgoglio e Pregiudizio), a un famoso editore londinese, Thomas Cadell, che però lo aveva rifiutato senza nemmeno leggerlo…. Insomma, i precedenti non erano incoraggianti.

Inoltre, nel 1805, la morte del padre e l’incertezza economica che ne era seguita avevano prodotto una lunga eclissi creativa: The Watsons (I Watson) erano stati abbandonati e niente altro venne scritto. La carriera di scrittrice sembrava essersi esaurita ancora prima di iniziare.

Alcuni anni dopo, però, a partire dal luglio 1809, la magia di Chawton, il cottage nella natia contea dello Hampshire in cui le signore Austen (la madre, la sorella Cassandra e Jane, con l’aggiunta dell’amica-sorella Martha Lloyd) si sono definitivamente trasferite, opera un piccolo miracolo di ispirazione e Jane riprende in mano la penna per comporre: soprattutto, comincia a revisionare senza sosta alcuni dei lavori di un tempo, redigendone le versioni definitive. Il primo romanzo ad essere pronto è Sense and Sensibility (Ragione e Sentimento).
Ma come riuscì a farlo pubblicare?

Continua a leggere

Leggere Jane Austen in italiano: quale edizione segliere?

Dedico questo post a tutti coloro che, di fronte alla profusione di edizioni italiane dei romanzi canonici di Jane Austen, non sanno quale scegliere e magari incappano in traduzioni che rischiano di rovinare il piacere della lettura o in edizioni poco curate, piene di refusi, o povere di materiale introduttivo.
Quando vengo richiesta di un consiglio, le mie risposte sono sempre parziali, mio malgrado e con grande rammarico, perché sono abituata a leggere Zia Jane in originale ed ho esperienza diretta di poche traduzioni italiane (almeno due per ogni romanzo, il che non è misura sufficiente per un panorama esauriente).
Per questo post riparatore e, spero, utile, devo fare almeno due ringraziamenti importanti.

Il primo va ad alcuni lettori con cui abbiamo scambiato privatamente qualche parere in proposito: Giuliana, Hana, Michela e Nicholas, i quali mi hanno aiutata a capire quanto questo tema sia molto sentito e richieda una trattazione specifica.
Il secondo va a Giuseppe Ierolli che, per il nostro tè delle cinque di oggi, ha scritto questa analisi delle edizioni disponibili dei romanzi canonici, alla luce della sua esperienza di appassionato austeniano che, dopo essere stato un attento lettore,  è diventato anche un accurato traduttore (che, come ben sapete, vi consiglio spesso). Ecco il suo parere.
Continua a leggere

Il nome mio nessun saprà!

04_janeausten_watercolour_cassamdraPrendo in prestito un verso della famosa aria Nessun Dorma, dall’opera Turandot del grande maestro Giacomo Puccini, per ricordare un aspetto oggi poco conosciuto tra i lettori e le lettrici di Jane Austen.
Ella non volle mai rendere noto il proprio nome come autrice ed i suoi libri furono pubblicati anonimi.
Le motivazioni credo derivino da una mescolanza tra, da un lato, la naturale riservatezza ed umiltà dell’autrice stessa e, dall’altro, la convenzione sociale tristemente consolidata che di fatto impediva alle donne di pubblicare ufficialmente a proprio nome.

…Basti pensare che la stessa Frances “Fanny” Burney pubblicò il suo primo romanzo anonimo e, solo dopo che la sua identità fu scoperta e diffusa riscontrando grande successo, pubblicò con il proprio nome.
I romanzi di Ann Radcliffe uscirono quando era già sposata – forse l’avere un marito fosse considerata una sorta di garanzia di solidità anche editoriale?… E del resto, qualche decennio più tardi, anche le sorelle Bronte pubblicarono i loro scritti con degli pseudonimi…

Continua a leggere

Jane e le sue “creature”, dopo la parola fine (1)

chawton-cottage-writing-table

Il leggendario tavolino sul quale Jane Austen era solita scrivere, nella dining room di Chawton (Hampshire)

Per creature intendo, ovviamente, i personaggi che la fervida e brillantissima mente di Jane Austen ha partorito, regalando al mondo e all’eternità dei tipi psicologici e sociali di altissimo valore universale.

Dalla biografia pubblicata nel 1870 dal nipote James Edward Austen-Leigh, Memoir of Jane Austen (Ricordo di Jane Austen), e dalle lettere della stessa Jane sopravvissute al rogo censorio di Cassandra, oggi abbiamo molte notizie (per quanto non riusciremo mai a trovarle sufficienti!) sui fatti privati che hanno accompagnato la genesi delle sue opere letterarie.

La più curiosa e toccante per me è quella riguardante il rapporto tra Jane ed i romanzi che scriveva, ma soprattutto con i suoi personaggidei quali aveva immaginato la vita anche dopo le vicende narrate ai lettori. Si può dire che vivesse con i suoi personaggi, ogni giorno, dal momento in cui li creava con la sua penna: ne parlava alla sorella Cassandra, ai nipoti, a chiunque le facesse domande sui romanzi.

Continua a leggere

I misteri di Udolpho: alle radici del Romanzo Gotico (e di Northanger Abbey)

Ann Radcliffe, I misteri di Udolpho, ed. BURQuesto è  il romanzo gotico che la famiglia Austen, come tutti i suoi contemporanei, non mancò di leggere quando venne pubblicato, divertendosi assai grazie ad uno sguardo sempre disincantato su questo mondo fantasmagorico e paranormale, decisamente sopra le righe.
La giovanissima Jane, a soli 17 anni, già dotata di notevole spirito di osservazione e , cominciò a scriverne addirittura la parodia: il delizioso, ironico, divertente e solare Northanger Abbey (L’Abbazia di Northanger) nasce così, dall’ombroso, soffocante, rutilante e melodrammatico Udolpho.
Per chi ama Jane Austen, è impossibile resistere alla tentazione di leggerlo.

La sua importanza nella letteratura e, più ampiamente, nella cultura e società dell’epoca è fondamentale. Questo è il romanzo che potremmo definire il “manuale” del romanzo gotico. Fin dalla sua pubblicazione nel 1794, conobbe un grandissimo successo ed è ancora oggi considerato il capolavoro della sua autrice, quella Mrs Ann Radcliffe che nella propria vita non conobbe mai avventura alcuna ma che riuscì, donna scrittrice in un mondo ferocemente maschile, ad ottenere il pieno riconoscimento del mondo letterario.
Il romanzo gotico era nato alcuni decenni prima, nel 1764, con The Castle of Otranto (Il castello d’Otranto) di Horace Walpole  ma è con Ann Radcliffe che conosce la sua consacrazione a genere letterario, dando vita a  sua volta a tanti generi affini fortunatissimi ancora oggi (ad esempio, l’horror).

In questo tè delle cinque, ci addentriamo in profondità in questo romanzo capostipite del genere gotico che tanta influenza ebbe su una giovanissima avida lettrice nonché aspirante scrittrice come Jane. Preparatevi – con molte tazze di tè confortante – ad una passeggiata nei sotterranei più oscuri e sulle torri più alte, a viaggi rocamboleschi ed incontri inquietanti, ad avventure colpi di scena al seguito dell’eroina di questa storia.

Continua a leggere

La collezione austeniana di ITV

ITV (acronimo di Independent Television) è la più grande rete televisiva commerciale privata del Regno Unito ed è il migliore concorrente dell’inarrivabile BBC (la tv pubblica che tutti sogniamo). Anche ITV produce serie televisive di grande successo, come l’Ispettore Barnaby e Cadfael (nota del 2015: e, più recentemente, Downton Abbey). Ma, soprattutto, nel corso degli ultimi anni ha prodotto adattamenti televisivi dei romanzi di Jane Austen con risultati in alcuni casi eccellenti, spesso grazie alla collaborazione con professionisti di sicuro valore e ben collaudati come Sua Maestà Andrew Davies, l’ormai leggendario sceneggiatore di Pride and Prejudice della BBC del 1995, solo per fare un esempio.
La collezione comprende quattro adattamenti: Emma del 1996 + Northanger Abbey, Mansfield Park e Persuasion tutti del 2007. Proprio quell’anno, infatti, ITV fece un notevole sforzo produttivo e realizzò ed infine trasmise, tra marzo ed aprile, una vera e propria Jane Austen Season, il cui filmato pubblicitario è di per sé un piccolo capolavoro:

Testo della voce fuori campo:

EN – There is an honesty behind a glance, a meaning behind a touch, and faith cried with a tear. Lies behind a price, importance in a whim, and deceit sealed with a kiss. There is hope behind a gesture, value in a token. An unspoken love delivered with a smile
ITA – C’è un’onestà dietro uno sguardo, un significato dietro un tocco, e fede gridata in una lacrima. Bugie dietro un prezzo, importanza in un capriccio, e inganno suggellato con un bacio. C’è speranza dietro un gesto, valore in un pegno. Un amore taciuto rivelato da un sorriso.

Tutti questi adattamenti, mai arrivati sulle nostre reti televisive (tranne uno, e una volta soltanto, molto tempo fa), sono disponibili in DVD. Ecco di che cosa si tratta.

Continua a leggere