Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Segui i tè delle cinque

Non perdere i prossimi tè con Jane Austen. Iscriviti in fondo alla pagina.

lunedì 7 aprile 2014

Una pronipote di Jane Austen racconta... (da JASIT)

Caroline Knight, foto da The Sydney Morning Herald

Una pronipote di Jane Austen, Caroline Knight (discendente del fratello Edward Austen, che prese il cognome Knight perché adottato dai ricchi cugini degli Austen, diventando signore di molte proprietà tra cui Godmersham Park, Chawton House 


e il vicino Chawton Cottage, amatissima dimora di Jane, 


oggi meta di pellegrinaggi di migliaia di Janeites da tutto il mondo) esce allo scoperto e racconta per la prima volta  in un'emozionante intervista al quotidiano australiano The Sydney Morning Herald che cosa significa vivere nel ricordo di cotanta Zia
Ne parla un articolo odierno di JASIT, davvero da non perdere!


Per saperne di più
...su Chawton Cottage e Chawton House, vi ricordo i tè delle cinque dedicati alla casa che Jane Austen amava e dalla quale sono partiti per il mondo tutti i suoi romanzi (ecco perché mi piace chiamarla "l'ombelico del mondo austeniano"): visita a Chawton e al Jane Austen's House Museum

sabato 29 marzo 2014

Chiedi chi è Jane Austen? Ti risponderò con le parole di G. Tomasi di Lampedusa

Durante il Tè con Jane Austen dal vivo dello scorso 15 febbraio alla Libreria delle Donne di Bologna, ho detto una quantità di cose, come nella migliore tradizione dei miei tè delle cinque in questa sala da tè. La maggior parte di esse sono state vere e proprie elucubrazioni su come ho incontrato Jane Austen e che cosa vi ho trovato.
Un taglio così personale mi è servito per provare a raccontare, attraverso la mia esperienza diretta, che cosa renda la geniale scrittrice di duecento anni fa così moderna (tanto moderna da apparire addirittura un passo sempre più avanti) agli occhi di noi, donne e uomini del disincantato, ipertecnologico XXI secolo.
Per queste mie elucubrazioni, però, non mi sono affidata soltanto alle mie gambe ma mi sono appollaiata saldamente sulle spalle dei giganti. Per cominciare bene, da solide basi.

Una di queste solidissime spalle è quella offertami generosamente da un uomo. Un Italiano. Un grande scrittore che in comune con Jane Austen ha la capcità di leggere e decodificare la realtà con acume infallibile e poetico.
È con lui e le sue splendide parole che ho voluto iniziare a raccontare chi è Jane Austen.
Per molti ottimi motivi.
Le sue parole sono tra le più belle dichiarazioni mai scritte su Jane Austen.
Sono pertinentissime. In mezza paginetta, c'è tutto ciò che c'è da sapere sulla grande autrice.
E sono scritte da un uomo, un dettaglio rilevantissimo che dimostra, una volta di più, come l'etichetta “roba da donne” appiccicata sempre troppo frettolosamente a JA racchiuda un insieme di ignoranze del tutto privo di senso.
E poi, ulteriore dettaglio determinante, questo uomo è italiano. Le sue parole, concepite nella nostra stessa lingua, risuonano sulla nostra sensibilità con tutta la loro forza naturale originale.
Ecco perché in ogni occasione in cui ci sia la necessità di raccontare chi è Jane Austen non esito a rispondere con le parole di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

Servitevi abbondantemente di tè e generi di conforto: l'elucubrazione di oggi sarà opportunamente assai lunga.


sabato 8 marzo 2014

Un tè con Virginia e Jane nella stanza tutta per sé

... Perché è un enigma senza fine cercare di capire come mai nessuna donna abbia scritto una sola parola di quella straordiazia letteratura mentre un uomo su due, a quanto sembrava, era in grado di comporre una canzone o un sonetto. In quali condizioni vivevano le donne, mi chiedevo [...].

Consentitemi di immaginare, dal momento che i fatti sono così difficili a ottenersi, che cosa sarebbe accaduto se Shakespeare avesse avuto una sorella meravigliosamente dotata, chiamata Judith, poniamo. [...] Nel frattempo, quella sua sorella straordinariamente dotata, immaginiamo, rimaneva in casa. Era altrettanto desiderosa di avventura, altrettanto ricca di fantasia, altrettanto impaziente di vedere il mondo quanto lo era lui. Ma non venne mandata a scuola [...], dovette essere promessa in moglie al figlio di un vicino mercante di lane.
[...] E così quella donna, nata nel sedicesimo secolo con il dono della poesia, era una donna infelice, una donna in lotta contro se stessa. Le sue condizioni di vita, i suoi istinti, tutto era ostile a quello stato d'animo che è indispensabile a lasciar libero quanto si ha nel cervello.
[...] A lei il mondo non diceva, come agli uomini, Scrivi pure, se vuoi; per me non fa alcuna differenza. Il mondo, sganasciandosi dalle risate, le diceva: Scrivere? E a che ti serve scrivere?

domenica 23 febbraio 2014

Jane Austen vale 10 sterline per la Banca d'Inghilterra. Dal 2017

Qualcuno di certo lo ricorderà. La scorsa estate, quella del Bicentenario di Pride and Prejudice (Orgoglio e Pregiudizio), è stata caratterizzata non solo dal prosieguo dei festeggiamenti per il darling child austeniano ma anche da una rovente polemica a proposito di un piccolo pezzo di carta. Una banconota della Banca d'Inghilterra.
Tutto era nato da un annuncio, in aprile: la Banca aveva dichiarato che dal 2016, al posto di Elizabeth Fry, sulla banconota da 5 sterline ci sarebbe stato Sir Winston Churchill. Ma subito fu chiaro che, una volta sparita Mrs Fry, a parte la Regina Elisabetta II (la cui presenza è, ovviamente, scontata) non ci sarebbe più stata alcuna donna eminente sulle banconote inglesi. E qui nacque la polemica.
Pochi (ma intensi) mesi dopo, in luglio, ecco l'annuncio della Banca: dal 2017, sulla banconota da 10 sterline Darwin sarà sostituito niente meno che con Jane Austen.
Come si è arrivati a questa decisione? La polemica ha riguardato direttamente Jane Austen? E quale aspetto avrà la banconota?

Anticipando solo che no, il dibattito non ha affatto riguardato la nostra cara Zia Jane (lei, monumento eterno alla discrezione e all'ironia, non può essere oggetto di polemiche furenti e strumentali) ma, in generale, la presenza femminile sulle banconote di Sua Maestà, vi invito a prendere un tè nel salotto di JASIT, dove ho ricostruito brevemente la vicenda per poi soffermarmi sull'aspetto della banconota.

Il bellissimo omaggio della Banca d'Inghilterra al genio di Jane Austen, "la più perfetta" come la definì Virginia Woolf, sarà in circolazione dal 2017, un anno davvero significativo.

(Lo so: quell'anno non resisterò alla tentazione di precipitarmi in Inghilterra pur di avere il pretesto di andare in banca a cambiare i miei Euro in Sterline. E una volta che avrò tenuto tra le mani una siffatta banconota, in loco, scambiandola come se fosse la cosa più naturale di questo mondo nel corso dei miei acquisti, sarà impossibile staccarmene. La porterò a casa. La incornicerò. Ecco, adesso l'ho confessato pubblicamente.)


Buona lettura!

venerdì 7 febbraio 2014

Un tè con Jane Austen in libreria


Questa volta io, il mio bollitore e il mio altarino austeniano ci materializziamo fuori dalla blogosfera. 
Vi offro una tazza di tè e tante chiacchiere intorno a Jane Austen "dal vivo", nel luogo che più si addice ad un appuntamento del genere: una libreria. Saremo ospiti della Libreria delle Donne di Bologna, un luogo libresco ad alto contenuto miracoloso.
A rinforzare e guidare le mie elucubrazioni ci saranno gli altri amici di JASIT. 
Per tutti, tè e altri generi di conforto. E, spero, un'oretta o poco più di piacevoli chiacchiere, nella migliore delle tradizioni dei Tè con Jane Austen.

15 febbraio 2014 - ore 17 
Un tè con Jane Austen
Conversazione su Jane Austen
e dintorni
con Silvia Ogier, Mara Barbuni, Gabriella Parisi, 
Giuseppe Ierolli, Petra Zari
fondatori di JASIT
presso La Libreria delle Donne
Via San Felice 16/A, Bologna
Ingresso gratuito



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...